top of page
  • Immagine del redattoreScandinavian Travel

ROTATORIE STRADALI IN ISLANDA

Come nel resto d'Europa, le rotatorie in Islanda possono causare problemi a chi proviene da paesi in cui non sono affatto comuni. Se questo è il tuo caso, resta nei paraggi!


Se hai intenzione di guidare in Islanda, potresti essere interessato a saperne di più sulle regole della strada prima di sederti al volante. E mentre potresti concentrarti su cose come su quale lato della strada guidano gli islandesi – quello giusto, se non lo sapevi – in realtà potresti essere sorpreso di apprendere che dovresti preoccuparti di qualcos'altro. In effetti, sono le rotatorie del paese che potenzialmente ti causeranno i maggiori problemi. Spieghiamo perché.


Seguire le regole della strada


Quindi hai lasciato l'  ufficio di noleggio auto a Reykjavik e sei pronto a metterti in viaggio in Islanda per la vacanza della tua vita. Conosci il limite di velocità in vigore sulla tangenziale e a Reykjavik. Hai sentito abbastanza parlare di ponti a corsia unica per sapere che dovresti prestare la massima attenzione per evitare una collisione frontale con qualcosa che viene nella direzione opposta. Comprendi che le condizioni stradali possono variare notevolmente tra quelle famigerate  strade F di montagna  e l'asfalto ben mantenuto della tangenziale. Sai anche che la guida fuoristrada è illegale in Islanda.


Regole delle rotatorie in Islanda


Ciò significa che sei a posto, non è vero? Non proprio. Finché non avrai capito bene le regole sulle rotatorie in Islanda e in particolare, non avrai imparato a guidare sulle rotatorie a due corsie, non dovresti metterti in moto, almeno non nel traffico. Molti visitatori non hanno familiarità con tali regole, quindi non sei il solo a chiederti cosa ti sei perso. Ecco come fare le rotatorie in Islanda.


Diritto di precedenza in Islanda


Ciò che mantiene il traffico in movimento nei luoghi in cui ci sono rotatorie è che tutti gli automobilisti capiscano chi ha la precedenza. Se è chiaro chi ha la priorità, filtrano e si intrecciano come in un balletto senza musica. In un luogo dove c'è poco traffico come in genere in Islanda, dovrebbe essere quasi organico e decisamente privo di stress. Solo che non lo è, e questo dipende da una regola della strada fraintesa.


In Islanda, su una rotatoria a due corsie, sono i veicoli che occupano la corsia interna ad avere la precedenza. I veicoli sulla corsia esterna devono cedere.


Pensa per un minuto a come è la situazione nel tuo paese. Vedi? Scommettiamo che è vero il contrario, oppure che stai sfogliando una copia del codice della strada per cercare di scoprirlo. Nel caso tu stia pensando di controllare la versione islandese, non farlo. Non c'è niente sulle regole della guida sulle rotatorie, tranne che non ti è permesso parcheggiare su una di esse. Il diritto di precedenza è più una convenzione accettata che una legge, il che va benissimo finché tutti conoscono e rispettano tali convenzioni.



L’aumento del turismo comporta le sue sfide


E qui sta il problema: il notevole aumento del turismo negli ultimi dieci anni ha sollevato alcuni problemi, uno dei quali è che le tradizioni islandesi delle rotatorie non si sposano con quelle di altre parti del mondo. Va tutto molto bene nelle scuole guida islandesi che insegnano ai nuovi conducenti che hanno la priorità se utilizzano la corsia interna finché al conducente dell'auto accanto a loro non viene insegnato altrove che è vero l'esatto contrario. Prima che tu te ne accorga, un pilota ha fatto a pezzi l'altro e tu stai guardando le ali spiegazzate e l'orgoglio ammaccato.


Una tale differenza nella pratica quotidiana, indipendentemente dal fatto che si tratti effettivamente di legge o meno, crea problemi. Sebbene gli incidenti mortali siano ancora incredibilmente rari in un paese piccolo come l’Islanda, si è verificato un numero crescente di incidenti meno gravi che possono essere attribuiti a pratiche così contraddittorie. Naturalmente, è facile dire che tutti gli automobilisti devono seguire le regole e le convenzioni del paese in cui viaggiano, ma prima devono sapere quali sono.


Uno studio condotto dall’Amministrazione stradale e costiera islandese sugli incidenti avvenuti nelle rotatorie dal 2011 al 2015 ha rilevato che quasi un quarto di essi coinvolgeva conducenti stranieri. Si tratta di una cifra sproporzionatamente alta se paragonata al numero di affittuari rispetto alla gente del posto. E il dato è ancora più preoccupante se si guarda agli incroci frequentati dai turisti. Ad esempio, alla rotonda dove la tangenziale incontra la strada per Thingvellir, quella cifra sale a quasi due terzi.


Rotatorie in Islanda: un mal di testa per il futuro?


È in corso un dibattito crescente su cosa si potrebbe fare per rendere le rotatorie islandesi più sicure. Una soluzione è migliorare la comunicazione con i potenziali noleggiatori e garantire che  le agenzie di autonoleggio in Islanda  informino gli automobilisti che dovranno modificare il loro comportamento nelle rotatorie del paese.


Un altro, forse più controverso, suggerisce che dovrebbero essere i conducenti islandesi a cambiare, per allineare il paese al resto del mondo. Coloro che sostengono un cambiamento così drastico di politica sostengono che sarebbe più facile riqualificare una popolazione di 300.000 persone – e quelle stesse persone troverebbero più facile guidare all’estero quando vanno in vacanza. In futuro, è probabile che ciò costituirà un grattacapo anche per coloro che desiderano introdurre le auto a guida autonoma, poiché dovrebbero essere riprogrammate per tenere conto della convenzione alternativa.



Detto questo, questo non dovrebbe comunque dare motivo di allarme agli aspiranti affittuari. Il volume del traffico e il tasso di incidenti in Islanda sono molto inferiori rispetto a molti dei luoghi da cui provengono i turisti. Guidare in Islanda è statisticamente più sicuro che in molti paesi del mondo – e soprattutto per i lettori di questo blog che ora sapranno dove prestare particolare attenzione.


20 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page